N.B. I problemi sopravvenuti con youtube, che hanno coinvolto l'intero lavoro dei siti e tutti i singoli articoli, comportano che da ora in poi solo i siti portanti verranno revisionati ed aggiornati e che tutto sarà ricondotto alla piattaforma globale IL FILO DEL MAGISTRATO, pensata per dare stabilità e non condizionabilità del lavoro informativo (incorporando, con modalità e stile "originari", video e prove video audio al suo interno previa rielaborazione già avvenuta degli articoli di rilievo).
Ne consegue che gli aggiornamenti di ogni altro sito diverso dai portanti indicati, e quindi anche di questo sito, vengono definitivamente interrotti.

VAI PERTANTO ALLE PIATTAFORME



sabato 15 giugno 2013

IL MOLOCH FINANZIARIO, I LEVIATANI TRIBUTARI E LA EQUITA' DELLA PRETESA IMPOSITIVA


CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              IL MOLOCH FINANZIARIO, I LEVIATANI TRIBUTARI
E LA EQUITA' DELLA PRETESA IMPOSITIVA

IL MOLOCH FINANZIARIO
Lo STATO SOVRANO CHE BATTE MONETA non esiste più da molto tempo.
Le eccezioni storiche a cavallo tra le due guerre mondiali sono state seppellite, o sono affogate nel sangue dei Kennedy e di Moro, quella statunitense ed italiana degli anni sessanta e settanta. Quattro o cinque sono ad oggi gli Stati ancora non riassorbiti violentemente dal sistema internazionale .
Esiste invece un unico MOLOCH finanziario , bicefalo per genie e discendenze , ma unitario. Esso emette moneta , attraverso i circuiti bancari internazionali e ne addebita il valore nominale, gli interessi ed il costo di produzione agli Stati asserviti ed alle società annichilite, dal debito pubblico ( anche ), che a sua volta contribuisce a distruggere le compagini sociali e produttive .
Il capitale e la sua moneta governano tutti e tutto, asserviti sinanche i produttori ( capitalisti) e gestiti più o meno direttamente interi comparti .
Ma si continua incredibilmente a simulare la esistenza di un comparto/soggetto pubblicistico che emette e gestisce moneta ( fatto in realtà di partecipazioni e banche private ! ) .
La finzione serve , che altrimenti l'impossessamento della moneta, in sé solo misura e mezzo di scambio riconosciuto dalle genti ed eliminata anche la “convertibilità “ in dollaro ed oro, emergerebbe in tutta la sua criminale realtà.
La gigantesca appropriazione indebita , truffa ed usura che attanaglia le società occidentali continua pervicacemente, ma le società ed i sistemi stanno subendo la prima unica e vera crisi strutturale degli ultimi due secoli e mezzo .
E perseverano, diabolicamente , creando strumenti di vincolo e “nominale “ risanamento dei bilanci, che sono meri cappi per strangolare meglio, visto che i debiti pubblici sono insanabili e crescono al ritmo vorticoso degli interessi .

I LEVIATANI TRIBUTARI
Restano però, per ora , i LEVIATANI TRIBUTARI.
La potestà impositiva , le tasse, il FISCO, restano formalmente in mano agli Stati .
Per ragioni strategiche innanzitutto , perché la “necessità” del prelievo dai contribuenti come finanziamento degli Stati deve fare da contraltare alla balla del costo della moneta .
Per ragioni tattiche, perchè mentre il livello decisionale è ormai internazionale e la politica è asservita a colpi di spread e di sotterranee strategie di ricatto e dominio, sicchè deve solo fare “ teatrino” , l'imposizione di tasse e gli strumenti di esazione e sanzione debbono essere , quelli sì, “vicini” alla gente . La persecuzione viene bene solo se “localizzata “ e resa funzionale. E l'accaparramento dei beni e dei risparmi, l'impoverimento di massa, è obbiettivo “ coessenziale” .
Per ragioni concrete , poi, perchè è meno oneroso, nel sistema così ingabbiato, accaparrarsi soldi dai cittadini, piuttosto che indebitarsi ancor di più con il sistema finanziario, ma è proprio questo che si vuole , . con le conseguenze ulteriori devastanti che abbiamo sotto gli occhi. Insostenibilità dei carichi fiscali, deflazione e distruzione dei sistemi produttivi, specie nell'are mediterranea, riacquistano la reale dimensione strategica : un riassetto mondiale in corso che vedrà distrutti e occupati definitivamente i PIIGS ( Portogallo, Irlanda , Italia, Grecia e Spagna ).
Per ragioni culturali, infine, perchè IL FISCO nel mondo latino è da sempre la autorità forte e invincibile dello Stato che impone , riceve , sanzione ed esècuta i cittadini “evasori “ .
” Li è tutto da rifare” , e la moneta sovrana a deficit , ed il ritorno ad economie delimitate, e direttamente gestite, appaiono le uniche chance compatibili con un modello sociale “umano “.
In attesa cdi un risveglio delle collettività intorbidite ed instupidite sistematicamente , che, stremate dalla crisi irreversibile, solo verso il fondo del baratro si lambiccheranno intorno alla soluzione non più illusoriamente individuale dei loro problemi , vi è una qualche medicina, un qualche rimedio, un qualche strumento di difesa agibile hic et nunc ?!?! .
Si tratterebbe di una resistenza , ancora diritto alla mano e regole fondamentali nel cuore, per evitare lo sfondamento delle economie nazionali e rallentare la distruzione delle risorse delle genti, secondo principi giuridici elaborati e valori portanti riconosciuti, .
Ma esiste questa possibilità ?!
In effetti il golpe strisciante , che ha fatto grandi passi , pur occupando gangli fondamentali, non ha ancora abbattuto capisaldi di civiltà normativi e anche le pericolose normative europee non li hanno potuti stroncare .
E la difesa dalla pretesa impositiva violenta ed “ultra posse “ ( oltre le possibilità degli individui ) , accomuna ormai la grande massa della gente ma anche i redditi medi strangolati a loto volta.
Si và qui oltre l'insegnamento antico secondo il quale è ( più ) iniqua la pretesa impositiva indiretta ( IVA , Accise etc etc ) che pure tale rimane .
E cosa faccia il Governo italiano proprio oggi, la dice lunga sulla sorte dei popoli e dei lavoratori pubblici e privati e non occupati giovani e di età media, e loro famiglie.
Ma si và anche oltre il pur consolidato insegnamento e principio costituzionale della tendenziale progressività delle imposte sui redditi .
Calcoli alla mano, tra pretese impositive , e sanzioni da ritardo per impossibilità di versare tempestivamente il dovuto, si arriva oggi a colpire secondo una concreta casistica attendibile anche il 90 % di un reddito pur cospicuo.
Intollerabile la situazione, insostenibile la pressione, quali principi ed istituti possono entrare in gioco e sulla base di quali parametri di riferimento quantitativi è compito dei giuristi indicare , restando sempre ben consapevoli che la crisi strutturale del sistema appare anche giuridica. Mentre saltano principi e norme programmatico costituzionali si diffonde un uso criminale ed invertito del potere giudiziario, che viene pressato, asservito e che è sempre più asfittico ( come da programma ) o succube, o colluso o concorrente . E i giudici n si misurano sempre meno con poteri deviati criminalità organizzate d casta e con il MOLOCH finanziario , sia esso nel caso concreto, anche solo una banca media che gestisce anatocismo ( interessi sugli interessi che applicati ai tassi sui prestiti raggiungono certi livelli da usura )
Ma sinchè il “diritto” è tale e non rivoluzionariamente ribaltato come le istituzioni deviate che lo stanno a loro volta seppellendo, in attesa degli ulteriori colpi di normazione incostituzionale e sovversiva ( quella sì ), è compito del giurista misurarsi con regole, principi e mezzi di tutela apprestabili .
Nella consapevolezza del proprio limite, misurandosi sull'ora e subito, senza nefandezze e pigrizie depresse .
Il tema più tecnico da trattare, proseguendo, ma in sede e secondo esposizione più tecnica, ruota quindi intorno alla equità impositiva, sua parametrabilità concreta , principi applicabili e rimedi apprestabili, dinanzi alla iniquità sistematica .

LA EQUITA' DELLA PRETESA IMPOSITIVA: nemo tenetur ultra posse ?!1
E per dare appuntamento ad una analisi più squisitamente giuridica concludiamo in questa breve riflessione aperta , con tre interrogativi aperti .
Vige nel nostro sistema dinanzi alla pretesa impositiva di tasse un principio generale analogo a quello che ispira il vaglio delle responsabilità da illecito, segnatamente penale , e che suonerebbe : “nessuno può essere tenuto dinanzi alla pretesa impositiva oltre le sue (umane) possibilità “ ?!
O si tratta di un “trapianto” impossibile sul diritto dello Stato leviatano che gestisce il Fisco ?!?!
E possono i giudici tributari e la Cassazione articolare ed applicare un principio siffatto dinanzi a loro, rigettando o mitigando la pretesa impositiva secondo parametri costruiti giurisprudenzialmente, oggettivati, verificabili e a loro volta fondati quindi su criteri non altamente opinabili ?! 







SCOOP  


 

 

 



CANALE VIMEO CDD


CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              

Nessun commento:

Posta un commento

PLAYLIST VIMEO  Clicca sul tasto in alto a sinistra "Playlist" e scorri l'elenco dei video che si evidenzierà nella porzione sinistra della finestra 


Oggi presso Italia



IL PAESE DEVE SAPERE ..





CLICCA SUI SINGOLI TASTI DI CONDIVIONE PER OGNI ARTICOLO NEL POST O SU SCOOP, OPPURE SUL TASTO "SHARE" ACCANTO, NELLA COLONNA DESTRA DEL BLOG, CHE CONSENTE DI CONDIVIDERE SU 19 NETWORK A TUA SCELTA L'INTERO POST DEL BLOG.

PUOI ANCHE COPIARE L'INTERO POST ED INCOLLALO SU MAIL ED INVIARLO COI TUOI INDIRIZZI E A TUTTI GLI INDIRIZZI CHE TROVI UTILI.


ORA E' IL MOMENTO DI DIFFONDERE TRA TUTTI:

IL PAESE DEVE SAPERE ..

BISOGNA FAR SAPERE AGLI ITALIANI

http://diffusionecdd.blogspot.it/2015/09/diffusione.html






SCOOP LA GRANDE DISCOVERY

SU

SCOOP ED FB

IN 63 ARTICOLI E MILLE PROVE






SCOOP ALTRI CANALI

















COMUNQUE SIETE ORA SUFFICIENTEMENTE MATURI ED INFORMATI PER INIZIARE A LEGGERE ED "ASCOLTARE" IN MODO ATTENTO COMPLETO E CONSAPEVOLE:

IL MEMORIALE DEL 7 MARZO 2011

IL DOCUMENTO SU PISTA FAMILIARE E USO ETERODOSSO DEL DIVORZIO ( e allegati )

LE PROVE AUDIO della CECCHIGNOLA e relative contestualizzazioni

GLI ESPOSTI DENUNCIA MEMORIE AL CSM CHE SMASCHERAVANO GIA’ NEL 2012 LA MANOVRA CRIMINALE SOTTESA E LA IDENTITA' DI QUESTO PERICOLSO APPARATO DEVIATO

LA LETTERA DI NON DIMISSIONI ( l’opposto di ciò che hanno fatto i tanti magistrati martirizzati in silenzio dall’apparato deviato )

ORA POTETE SINO IN FONDO CAPIRE DA SOLI QUALE FOSSE LA POSTA IN GIOCO:

PERCHE’ DOVEVA ESSERE DISTRUTTO IL MAGISTRATO PAOLO FERRARO

PERCHE’ OPERARONO DI CORSA IN CONTRO TEMPO PER TENTARE DI ARGINARE LA INFORMAZIONE E DENUNCIA PUBBLICA CHE AVREI SVILUPPATO E CON QUALE ARCHITETTURA CRIMINALE SI MOSSERO

QUALE DISEGNO E GESTIONE DEL REALE POTERE DOVESSERO DISPERATAMENTE NASCONDERE

SE VI FOSSERO IN GIOCO E QUALI COMPONENTI DEVIATE ( E COME OPERASSERO )


COSA TEMEVANO CHE POTESSE ANCHE EMERGERE

COME ABBIANO OPERATO NEL SILENZIO

COME ABBIANO ATTIVATO LA FINTA CONTROINFORMAZIONE CHE COSTRUIVA IL MITO DI PSEUDO ASSOCIAZIONI CHE COPRIVANO POTERI REALI

E PERCHE’ SOLO PAOLO FERRARO POTEVA ARDIRE E DENUNCIARE RICOSTRUENDO TUTTO E CONTESTUALIZZANDO TUTTO ( SENZA IL TESTIMONE CHE CONTESTUALIZZA LE PROVE OGGETTIVE NON ESISTONO E NON HANNO UN LORO AUTONOMO SENSO COMUNQUE )

COME SIANO ARRIVATI A COMPIERE L’ERRORE MADORNALE DI METTERE IN MANO AL MAGISTRATO PAOLO FERRARO LA PROVA CERTA OBIETTIVA ED INDELEBILE DELLE MANOVRE FATTE E REATI CONNNESSI IN UN CASO EMBLEMATICO

CON QUANTA VOLGARE SICUMERA E VIOLENZA ABBIANO TENTATO DI ARGINARE LA INFORMAZIONE ANCHE A LIVELLO DI CONTROINFORMATORI DI REGIME ATTRAVERSO QUELLO CHE ORMAI IN MOLTI CHIAMANOIL "PROTOCOLLO PETTEGOLO“ ( Derisoriamente)

QUANTA INTELLIGENZA E SENSIBITA’ INTELLETTUALE IMMISERO NEI LORO DUE STUPENDI SCRITTI LUCIANO GAROFOLI ED ENRICA PERRUCCHIETTI QUANDO ANCORA STAVO CENTELLINANDO PROVE ED ANALISI


QUANTO SENSIBILE IMPEGNO SIA STATO MESSO DAI MIGLIORI DI VOI ( per ora ) AVENDO CAPITO BENE E STUDIATO …


PERCHE PAOLO FERRARO ERA ED E’ AMATO E STIMATO DALLA POLIZIA GIUDIZIARIA E DAI MIGLIORI MAGISTRATI NON CRIMINALI E DEVIATI

ORA AVETE INFINE quindi DAVANTI, ED ATTRAVERSO ME E LE VICENDE A ME COLLEGATE, UNO SPACCATO CRIMINALE DI POTERI DEVIATI CHE APRE LE PORTE A TUTTO QUELLO CHE DI CERTO ED INDICIBILE ABBIAMO INDICATO E ANALIZZATO COME DIRETTI TESTIMONI.

UN ORDITO CRIMINALE PLURIENNALE :
IL CASO FERRARO I SILENZI COLPEVOLI O CRIMINALI


UN BEL GUAZZABUGLIO INTERAMENTE DISTRICATO


RITROVANO NOTIZIE PREZIOSE SULLA INDAGINE FIORI NEL FANGO

IL RUOLO CRIMINALE E MALATO GIOCATO DA UNA FETTA DI MAGISTRATI DEVIATI DELLA PROCURA DI ROMA CHE AVEVA TUTTO DA PERDERE SE FOSSE USCITO FUORI QUELLO CHE AVEVANO COMBINATO , A PARTIRE DA PAOLO FERRARO
E qui un ringraziamento non alla rosa ma alla Margherita ...



PETIZIONE CASO FERRARO LEGALITA' MAGISTRATURA CENTRI DI POTERE DEVIATI


https://www.change.org/it/petizioni/sig-ministro-di-giustizia-il-magistrato-paolo-ferraro-torni-a-fare-il-magistrato

IL MAGISTRATO PAOLO FERRARO TORNI A FARE IL MAGISTRATO!

Le istituzioni non si debbono privare di un magistrato indipendente e professionale, colpito con strumenti subdoli ed artificialmente costruiti per aver denunciato fatti che coinvolgono élites ed apparati deviati, quando tutto il Paese ne ha avuto le prove.

https://www.evernote.com/shard/s207/sh/5e23c80e-b9a2-4e57-a91e-e77faa00fa8e/8fdb42da779ee8b922073db7d68dba45

https://www.evernote.com/shard/s207/sh/



PAOLO FERRARO UN MAGISTRATO CHE ANDANDO OLTRE FALCONE HA SVELATO CON UN IMPIANTO DI PROVE DIRETTE APPARATI MASSONICI E FRAMASSONICO. MILITARI, STRUMENTI METODOLOGIE ED ATTIVITÀ DI ELITE COPERTE, EVERSIVE ALTRESI', E COLLEGATE ANCHE A BASAMENTI CRIMINALI TERRITORIALI.
LA GRANDEDISCOVERY UN IMPIANTO UNICO NELLA STORIA DI PROVE E IL DOVERE DI INFORMARE FORMARE E DIFFONDERE TUTTO QUESTO LAVORO ANCHE ATTRAVERSO LA DIFFUSIONE DEI SITI OFF LINE SCARICABILI SU PC AL LINK https://drive.google.com/drive/folders/0B4_ZMKes3GNlY2NCWGk3d3NteVU
E IN FACEBOOK ALL'INDIRIZZO
PAOLO FERRARO HA RESISTITO A LUSTRI DI PERSECUZIONE SCOPERTI E A VENTICINQUE ANNI DI ATTENZIONAMENTO SOTTERRANEO E DOBBIAMO DIFENDERE LUI ED IL SUO LAVORO, PER NOI E IL NOSTRO PAESE.
UNA ANALISI E RICOSTRUZIONE CHE MODIFICA PRIORITA' E LOGICHE E GENERA UN NUOVO PROGETTO AFFATTO DIVERSO DA QUANTO IN CAMPO.